5 Miti sul Body-building a cui Devi Davvero Smettere di Credere

Grazie ai forum e ai blog personali, la quantità di cosiddetti esperti di body-building è salita alle stelle. Il web si è di conseguenza riempito di informazioni false e miti che da tempo si sono rivelati sbagliati ma a cui le persone continuano a credere. Che tu stia cercando di aumentare i tuoi muscoli o di arrivare allo status di body-builder, voglio assicurarmi che tu disponga delle informazioni corrette. Ecco qui 5 miti sul body-building a cui devi davvero smettere di credere.

Mito N.1 – ‘Puoi smaltire una cattiva dieta con l’allenamento’

Queste chiacchiere sono cominciate senza dubbio quando delle persone che avevano un livello di metabolismo geneticamente ottimo si sono accorte che mangiando schifezze rimanevano comunque magre. Queste persone possono mangiare quello che vogliono, se sollevano pesi. Sfortunatamente, non si tratta della maggior parte di noi, in particolare non di chi vuole sviluppare un fisico da palcoscenico.

L’alimentazione nel body-building è più importante del sollevamento pesi, anche se non c’è dubbio che le due cose vanno di pari passo. Seguire un corretto programma dietetico significa impostare dei limiti calorici durante le fasi di bulking, cutting o bulking pulito. Per massimizzare l’aumento di massa, dovrai seguire una dieta ricca di proteine e carboidrati e moderata in termini di grassi. Nella fase di cutting, manterrai elevato il numero di proteine consumate, ​​ma inizierai ad essere più selettivo nell’assunzione di carboidrati. Puoi fare il conteggio delle tue calorie tramite una app come MyFitnessPal. Questo ti sarà utile per assicurarti di non mangiare né troppo né troppo poco.

Diciamo che vuoi prepararti per le competizioni e ti concedi però eccessi sulla quantità di calorie assunte. Certo, l’allenamento con i pesi e quello cardio ti fanno bruciare alcune calorie in eccesso, ma non a livello tale da rimediare ad una dieta piena di cibi spazzatura, con 4.000 calorie consumate al giorno. Inoltre, l’alimentazione non è soltanto il numero di calorie, ma coinvolge anche la qualità di tali calorie.

Pensi che Phil Heath mangiasse pizza, gelati e patatine fritte durante il suo allenamento per diventare Mr Olympia? Ma certo che no!

Mito N.2 – ‘Poche ripetizioni per il bulking, tante ripetizioni per il cutting’

Questo mito è stato creato con le migliori intenzioni: per semplificare cioè il processo piuttosto complicato delle fasi di bulking e di cutting. Sarebbe bello che fosse così semplice, ma questo mito non si basa su alcuno studio scientifico.

La verità è che, per costruire muscoli più grandi, è necessario mettere sotto stress il tessuto muscolare, con i giusti tempi in tensione. Questo viene rappresentato in secondi per indicare i movimenti concentrici, isometrici ed eccentrici. Ad esempio, 2 / 0 / 2 si suddivide in questo modo:

  • 2 secondi di sollevamento del peso (concentrico)
  • 0 secondi di pausa (isometrico)
  • 2 secondi per abbassare il peso (eccentrico)

Questo fattore di stress basato sul tempo attiva la necessità del muscolo di adattarsi tramite la crescita. Sì, poche ripetizioni e carichi pesanti giocano un certo ruolo nell’ipertrofia muscolare, ma non rappresentano il Sacro Graal dell’aumento della massa muscolare. Per ottenere i migliori risultati in termini di aumento muscolare, è utile seguire un programma di periodizzazione mensile con tante e poche ripetizioni. Ricordati che meno ripetizioni fai, più pesanti dovranno essere i carichi.

Prova questa routine per aumentare le tue dimensioni:

  • Settimana 1: Resistenza: da 12 a 15 ripetizioni
  • Settimana 2: Ipertrofia: da 8 a 12 ripetizioni
  • Settimana 3: Forza: da 5 a 8 ripetizioni
  • Settimana 4: Potenza: da 1 a 5 ripetizioni

Mito N.3 – ‘No pain, no gain’

C’è sicuramente un rapporto di amore-odio con il dolore che si prova dopo l’allenamento. Si tratta di un indicatore sicuro del fatto che i tuoi muscoli hanno svolto un allenamento duro, ma limita anche i tuoi movimenti per un paio di giorni. Il dolore muscolare a insorgenza ritardata (DOMS) fa parte del gioco della costruzione dei muscoli, ma è davvero un segnale del fatto che stai facendo progressi?

Il dolore che provi dopo l’allenamento è una maniera terribile per tenere traccia dei tuoi progressi. È sicuramente un segnale del fatto che hai attivato i gruppi muscolari giusti, ma rappresenta un terribile indicatore se usato per confermare l’avanzamento verso i tuoi obiettivi.

Esistono dei modi per capire se stai diventando più grande e più forte ed essi sono molto più affidabili di qualche muscolo dolorante:

  • Dovresti monitorare i tuoi allenamenti giornalieri. Questo include gli esercizi svolti, le serie, le ripetizioni, i tempi e i pesi utilizzati. Puoi sempre rivedere gli allenamenti fatti in passato e modificare i tuoi attuali allenamenti per lavorare di più.
  • Per monitorare la tua crescita, ti consiglio di scattare ogni mese delle foto dei tuoi progressi e di usare un metro per misurare i punti chiave: cosce, vita, petto e braccia. Goditi il tuo dolore, ma rimani scientifico nelle tue misurazioni.

Mito N.4 – ‘I frullati proteici sono solo per le giornate di allenamento’

Esci dalla palestra, scuoti la tua bottiglietta e ti bevi un frullato di proteine del siero di latte. Questo è tutto ciò che ti serve fino al tuo prossimo allenamento, giusto? Certo che no! Anche se non è più così diffusa come lo era una volta, è rimasta l’idea che i frullati proteici non siano necessari nelle giornate di recupero. La verità è che sono altrettanto importanti (anzi, ancora di più) nelle giornate di recupero.

Le proteine si scompongono in una gamma completa di 20 amminoacidi biodisponibili. È un grosso problema, vero? Be’, questi amminoacidi sono gli elementi costitutivi del tessuto muscolare. Numerosi studi hanno dimostrato l’effetto benefico degli integratori di proteine sulla sintesi proteica, il recupero e la crescita muscolare. Se c’è mai stato un buon momento per bersi un frullato di proteine, è proprio durante le giornate di recupero, cioè quando i tuoi muscoli hanno bisogno di quelle sostanze nutritive per rimettersi in gioco.

Cerca di consumare dai 20 ai 30 grammi di proteine a pasto. Utilizza un integratore proteico due volte al giorno, ma concentrati soprattutto sul fare pasti integrali.

Mito N.5 – ‘Puoi trasformare i grassi in muscoli’

Come fa questo mito ad essere ancora diffuso? È ridicolo. In poche parole, no, il tuo grasso non si trasformerà in muscoli se seguirai una dieta mirata per il body-building e un programma di allenamento. Quello che succede è che il corpo brucerà il grasso per avere carburante e aumentare allo stesso tempo le dimensioni del tuo tessuto muscolare. Punto.

Tieni presente che se segui un programma di bulking e cutting tradizionale, la tua quantità di grasso aumenterà durante la fase di massa. Naturalmente, nella fase di riduzione, brucerai questi grassi in eccesso. L’obiettivo è diventare il più grande possibile per poi dimagrire conservando la maggior quantità dei muscoli. Detto ciò, tale metodo ha ora perso popolarità a favore del programma continuo di bulking pulito.

Controlla bene i fatti

I miti sul body-building possono rovinare rapidamente i tuoi progressi, ma per tua fortuna ora sei meglio informato di 10 minuti fa. Non c’è tuttavia bisogno che tu mi creda sulla parola. Puoi informarti tu stesso e leggere vari studi scientifici per verificare i fatti elencati.

Quando si parla di salute, non puoi permetterti di correre rischi. Fai le tue ricerche su siti come NCBI. Adotta questa abitudine e sarai tu a diffondere miti corretti sul body-building.

Non aver paura di usare gli integratori

L’utilizzo di integratori tramite prodotti naturali è davvero semplice. Ottieni il vantaggio di un aumento muscolare più rapido, senza però incorrere in nessuno dei pericoli associati all’utilizzo degli steroidi.

CrazyBulk offre un’ampia gamma di integratori naturali e sicuri al 100% per il body-building. Dovresti davvero dare un’occhiata alla loro offerta, se vuoi aumentare la massa in fretta.

C’è un mito che non ho elencato e che vorresti sparisse? Fammelo sapere nei commenti qui sotto!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *